Adesso che hai capito come si individuano e si misurano i tuoi obiettivi puoi leggere questo articolo.

Infatti il secondo errore più grande che comunemente viene fatto su internet è quello di catapultarsi online senza studiare il mercato di riferimento. Ci si affaccia all’online con la stessa identica idea con cui si fa pubblicità offline.

Più persone mi vedono, più persone colpisco, più prodotti o servizi vendo.

Come in TV, quindi; come su quotidiani e riviste; come le affissioni.

Sai benissimo che non c’è niente di più sbagliato di questo. Questo ragionamento al quale sei abituato è un ragionamento antico, di almeno 20 anni, quando non era possibile avere dati precisi, quando si giocava sulle stime e sulle ipotesi.

Oggi, fortunatamente puoi avere numeri; e numeri precisi. Puoi sapere con certezza quante persone sono interessate ai tuoi prodotti o servizi. Puoi sapere precisamente anche quante persone potrebbero essere interessate e, quindi, oltre al dato certo attuale, anche il potenziale di sviluppo futuro.

Non deve interessarti la massa, deve interessarti la qualità. Devi preoccuparti solo e soltanto delle persone che possono essere interessate ai tuoi prodotti o servizi. Se vendi vino, ti interessa farti vedere dagli astemi? Se vendi biberon, trovi sia intelligente spendere soldi per farsi vedere da chi non ha figli di una determinata età?

Questi sono dati molto specifici, è davvero possibile averli?

Certo che sì!

Già, ma chissà quanto costa.

E se ti dicessi che è tutto gratis, che ce l’hai sotto gli occhi, che puoi calcolarlo in qualsiasi momento e quante volte vuoi ed avere sempre dati aggiornati?

Conoscere il proprio mercato è fondamentale per avere successo online.

IL MERCATO

About The Author
-